fame virtuale

epi_dermico

… per anni ho scrutato il cielo attendendo risposte… poi ho rivolto lo sguardo alla terra formulando domande… i piedi sulla terra e la testa presso il cielo, questa è la mia figura…
… se fossi uomo non spargerei seme incosciente… se fossi donna non l’accoglierei… la progenie è la più alta eredità di cui un essere possa dotarsi, non andrebbe sprecata ( davanti a tutti i risultati di questa cattiva abitudine… )
… smettiamo di apprezzare risultati mediocri… tutto è vanità…
… se andassi a piedi consumerei scarpe… andando a benzina consumo il mondo… ( uno solo ne abbiamo… )
… mia nonna è nata con la candela… io col pc… lei è più serena ( dell’esistenza inconfutabile dei campi magnetici )
… non dormo mai solo… ci sono gli acari a farmi compagnia…
… se tanto mi da tanto, poco cosa da ? ( dell’insufficienza d’attenuanti )
… sospendere la lusinga, attivare il riconoscimento…
… “ era così buono ( bravo, generoso… ) “ ( dell’ipocrisia dei riti funebri )
… la verità è scomoda, la menzogna patetica…
… il proibizionismo alleva una massa d’irresponsabili
… l’intolleranza non si cura col cortisone
… se fossi un topo vivrei in padania… se fossi un alce in lapponia… ma sono un solitario verme, mi tocca seguirti
… la nostra società dei consumi corregge la propria bulimia con l’anoressia ( del morire di fame virtuale )
… beati gli ultimi ( dei borseggiatori sui mezzi pubblici )
… sbagliando s’impara(noia)
… se fossi il tempo non mi farei ammazzare… prenderei una pausa